Notizie

31
2012
Archiviato in: Sport
Di: Ufficio Stampa Pro Loco Bisceglie

Sabato 1° settembre 2012 a Bisceglie

Le spettacolari evoluzioni di alcuni tra i più quotati saltatori del panorama tricolore catalizzeranno sabato sera, con inizio alle 19.30, l’edizione numero 11 dell’Asta Night, la popolare kermesse agonistica organizzata dalla Pedone Riccardi. Annoverata tra gli appuntamenti clou dell’estate biscegliese, la manifestazione coordinata dal presidente della storica società biscegliese, Gianni Graziani, si disputerà nella centrale Piazza Vittorio Emanuele (lato bar Orchidea) con zona di caduta prospiciente Via Marconi. Alla stregua delle due precedenti edizioni l’Asta Night vedrà in lizza specialisti di ambo i sessi pronti a misurarsi in una gara tra le più spettacolari e difficili dell’atletica moderna, capace di esaltarne le loro qualità di ginnasti e circensi.

In campo maschile ha assicurato la propria presenze il trionfatore del 2010 e del 2011 Matteo Rubbiani, 34enne portacolori del C.S. Aeronautica Militare, che ovviamente parte con i favori del pronostico. L’astista emiliano che vanta un personale di 5.55 metri, tre volte campione italiano Assoluto, dovrà fronteggiare un lotto di amici-rivali assai agguerrito, a cominciare dal padovano Giorgio Piantella, classe 1981 tesserato per il C.S. Carabinieri, al suo debutto assoluto nella competizione biscegliese e capace di saltare 5.60 mt. in carriera. Di particolare risalto anche la presenza dell’altoatesino Manfred Menz e di Davide Bressan, mentre ai giovani Fusiani (Campione Italiano Juniores all’aperto in carica) e Buldini (Campione Italiano Juniores indoor in carica) toccherà il ruolo di outsider di lusso. Attesa e curiosità anche per la gara femminile in cui spiccano i nomi della 28enne Gloria Gazzotti (personale di 4,15 mt.), di Giulia Galli e del talento pugliese Francesca Semeraro, classe 1997, Campionessa Italiana in carica Cadette nonché detentrice del record italiano di categoria.

LA STORIA DELL’ASTA NIGHT IN PILLOLE
La storia dell’Asta Night ha visto misurarsi nelle prime edizioni i più forti interpreti azzurri dell’epoca fra cui Marco Andreini (vincitore nel 1984 e nel 1985) e Gianni Stecchi (1986), più volte campioni italiani. Nel 1987 iniziò l’era degli atleti stranieri con la presenza di specialisti francesi, bulgari, polacchi, americani e russi, richiamati dalla crescente fama acquisita dall’evento. Dopo le affermazioni degli statunitensi Lohre (’87), Kenworthy (’88) e del bulgaro Tarev (’89), nel 1990 il successo andò al polacco Kozakievicz, primatista mondiale. Nel 1991 ad imporsi fu il russo Andry Sucharev, che scavalcò la misura di 5,86 mt. stabilendo la miglior “prestazione” mondiale della specialità al termine di un’elettrizzante gara. Dopo 19 anni di assenza l’Asta Night è tornata nell’agosto del 2010, con Matteo Rubbiani e Giorgia Benecchi ad inaugurare l’albo d’oro del “nuovo corso” della manifestazione tenacemente riproposta da Gianni Graziani. Nella scorsa edizione, infine, sia Rubbiani (con la misura di 5.55, suo nuovo primato personale) e sia la Benecchi hanno concesso il bis entusiasmando per l’ennesima volta il numeroso pubblico.

Per l’invio del comunicato si ringrazia Mino Dell’Orco.

Sito ottimizzato per Mozilla FirefoxCSS ValidoXHTML ValidoQuesto sito usa Wordpress CMS