Notizie

18
2011
Archiviato in: Sport
Di: Ufficio Stampa Pro Loco Bisceglie

Sabato 20 agosto l’evento sportivo di punta dell’estate biscegliese

Un autentico galà delle giovani promesse dell’asta azzurra maschile e femminile. E’ lo spettacolo che gli organizzatori della Pedone Riccardi Atletica, coordinati dall’infaticabile presidente Gianni Graziani, assicurano in occasione della decima edizione dell’Asta Night.

L’evento clou dell’estate sportiva biscegliese si svolgerà sabato 20 agosto con inizio alle 19,30 in Piazza Vittorio Emanuele (lato bar Orchidea) con zona di caduta prospiciente via Marconi: si ritorna così nella storica e suggestiva location che aveva ospitato la competizione negli anni Ottanta entusiasmando tanti appassionati e curiosi. Al via dell’Asta Night 2011 si schiererà un cast di talentuosi specialisti pronti a misurarsi in una gara tra le più spettacolari e difficili dell’atletica moderna in cui i saltatori, attraverso le cinque fasi dell’esercizio (rincorsa, presentazione, elevazione, valicamento e ricaduta) esaltano le loro qualità di ginnasti e circensi violando le leggi di gravità alla stregua di novelli Icaro.

In ambito maschile l’atleta da battere è l’aviere emiliano Matteo Rubbiani, classe 1978, vincitore della passata edizione. Tre volte campione italiano Assoluto e bronzo ai campionati nazionali Indoor 2011, Rubbiani vanta un primato personale di mt. 5,40. A contendergli il successo ci sarà il 27enne veneto Marco Boni, anch’egli portacolori del Cs Aeronautica. Terzo classificato ai campionati italiani Assoluti nonché vice-campione italiano nel 2010, nel suo palmares Boni (p.p. 5,40 mt.) annovera anche due titoli italiani Universitari e due titoli italiani Juniores. Alle spalle di Rubbiani e Boni scalpita una nutrita e qualificata pattuglia di talenti capeggiata da Simone Fusiani, classe 1992, alfiere della Studentesca Ca.Ri.Ri. e detentore del titolo italiano indoor Juniores. Reduce dalla parentesi agrodolce agli Europei Juniores in quel di Tallinn (Estonia), Fusiani (p.p. 5,10 mt.) ha conquistato nel 2009 una prestigiosa medaglia di bronzo alle Gymnasiadi di Doha, in Qatar. La start list è completata da Marcello Palazzo (’91, FF.OO. Padova, p.p. 5,30 mt.), Gianmarco Augenti (’90, A.A. Acquaviva), Gabriele Palazzo e Michele De Marco, entrambi classe 1993 e tesserati per il Cus Foggia.

Garantisce una massiccia dose di agonismo e divertimento anche la prova femminile con il ritorno a Bisceglie della 22enne parmense Giorgia Benecchi (Cus Parma/Cs Esercito, p.p. 4,36 mt.), che in stagione ha rappresentato l’Italia sia agli Europei Indoor di Parigi Bercy e sia agli Europei Under 23 di Ostrava. La Benecchi dovrà fronteggiare le velleità di successo della talentuosa Roberta Bruni, Allieva classe 1994 tesserata per la Stud. Ca.Ri.Ri, detentrice del record italiano Under 20 con la misura di 4,20 mt. che le vale anche la seconda miglior prestazione mondiale di categoria. Nel 2011 Bruni si è inoltre aggiudicata la medaglia d’oro all’European Youth Olympic Festival di Trabzon (Turchia) ed è giunta sesta ai campionati mondiali Under 18 di Lille. Altra specialista di valore è la 23enne Angela Sterpetti (Stud. Ca.Ri.Ri.), terza classificata agli ultimi campionati italiani Assoluti e detentrice di un personale di 4,10 metri. Il lotto delle partecipanti è completato dall’astro nascente pugliese Francesca Semeraro, Cadetta classe 1997 in forza al Cras Taranto, attuale titolare della miglior prestazione continentale Under 14.

Nel corso dell’Asta Night è prevista anche una significativa parentesi riservata alle premiazioni degli atleti biscegliesi che, nelle varie discipline della “regina” degli sport olimpici, danno lustro al movimento locale svolgendo da anni i loro allenamenti sulla pista del “Ventura”: saranno assegnati riconoscimenti ad Eusebio Haliti, Emanuele Sardano, Lucia Pasquale, Roberto Antonino, Sabino Gadaleta ed al tecnico Tonino Ferro. Al termine della manifestazione saranno inoltre assegnati il “2° Memorial Sergio Dente” ed il “1° Trofeo Eredi Di Liddo”.

Infine, affiancato all’evento agonistico non mancherà lo spazio dedicato alla solidarietà in virtù della sinergia con Telethon, l’associazione impegnata da anni nella raccolta fondi per combattere la distrofia muscolare e le altre malattie genetiche.

LA STORIA DELL’ASTA NIGHT IN PILLOLE

La storia dell’Asta Night ha visto misurarsi nelle prime edizioni i più forti interpreti azzurri dell’epoca fra cui Marco Andreini (vincitore nel 1984 e nel 1985) e Gianni Stecchi (1986), più volte campioni italiani. Nel 1987 iniziò l’era degli atleti stranieri con la presenza di specialisti francesi, bulgari, polacchi, americani e russi, richiamati dalla crescente fama acquisita dall’evento. Dopo le affermazioni degli statunitensi Lohre (’87), Kenworthy (’88) e del bulgaro Tarev (’89), nel 1990 il successo andò al polacco Kozakievicz, primatista mondiale. Nel 1991 ad imporsi fu il russo Andry Sucharev, che scavalcò la misura di 5,86 mt. stabilendo la miglior “prestazione” mondiale della specialità al termine di un’elettrizzante gara. Dopo 19 anni di assenza l’Asta Night è tornata nell’agosto del 2010, con Matteo Rubbiani e Giorgia Benecchi ad inaugurare l’albo d’oro del “nuovo corso” della manifestazione tenacemente riproposta da Gianni Graziani.

Per l’invio del comunicato si ringrazia Mino Dell’Orco, addetto stampa 10^ Asta Night.

Sito ottimizzato per Mozilla FirefoxCSS ValidoXHTML ValidoQuesto sito usa Wordpress CMS