Notizie

17
2013
Archiviato in: Arte e fotografia
Di: Ufficio Stampa Pro Loco Bisceglie
Tags: , , .

Trani, dal 21 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014

avvistatori di comete“AVVISTATORI DI COMETE” DI ANTONELLO DI PINTO

mostra d’arte contemporanea

*Trani – 21 dicembre 2013 / 6 gennaio 2014- Il Cielo di Carta – Scuola di teatro e spazio performativo

https://www.facebook.com/antonello.d.pinto
http://www.ilcielodicarta.net/

“…vide delle strane luci nel cielo” A. Di Pinto

A tutti gli avvistatori di scie di luce:
il 21 dicembre dalle ore 19 alle ore 21 Vernice con Performance teatrale diffusa “Avvistatori di comete in un cielo di carta”.
Ingresso libero con inaugurazione, aperitivo e presentazione.

La mostra di Trani proseguirà fino al 6 gennaio 2014.

video promo:
http://www.youtube.com/watch?feature=youtu.be&v=_Bb0tymzVJM&desktop_uri=%2Fwatch%3Fv%3D_Bb0tymzVJM%26feature%3Dyoutu.be&app=desktop

all’interno della mostra il 28 Dicembre alle 21.30 Spettacolo
“Inferno al Cubo” letture abrasive dalla divina commedia di I’M Teatro.Ingresso con prenotazione obbligatoria 5 euro

Aperto il contest fotografico ” ho incontrato per strada un ragazzo che guardava lassù”: osserva i quadri di Antonello Di Pinto e realizza il tuo scatto fotografico prendendone spunto…. La foto prescelta dovrà essere inviata a studio.ilcielodicarta@gmail.com entro il 31 dicembre 2013.
Al vincitore sarà assegnata una litografia originale di Antonello Di Pinto il giorno 6 gennaio.

Ai visitatori/avvistatori è richiesto l’uso di occhiali scuri.
A tutti gli avvistatori di scie di luce nel cielo…….

Informazioni al 347/9395652
info@ilcielodicarta.net
Per l’acquisto delle opere rivolgersi in sede:
Il Cielo di Carta – Scuola di Teatro (Affiliato Acli Arte e Spettacolo)
corso Vittorio Emanuele 242 Trani o ai nostri contatti.
——————————————————————————–

MOSTRA ROMANA
1.12.2013 – 12.12.2013
ANTONELLO DI PINTO
L’ATTESA
– waiting for a new era –
Mostra d’arte contemporanea
a cura di Guido Carlomagno
VERNISSAGE: 30.11.2013 dalle ORE 16,00
con la partecipazione del critico e storico dell’arte VITTORIO SGARBI, che introdurrà l’evento presentando l’artista e le opere in esposizione.
“L’attesa – waiting for a new era” è la mostra personale dell’artista italo-spagnolo Antonello Di Pinto.
Artista poliedrico ed aperto alla sperimentazione di nuovi stili espressivi, Di Pinto ama comunicare attraverso tutti i linguaggi dell’arte, dalla musica alla scultura, dalla poesia alla pittura fino alla letteratura.
L’esposizione allestita all’interno dei suggestivi locali della Galleria Arte Maggiore raccoglie una serie di opere recenti di Antonello Di Pinto, appartenenti alla nuova serie “Avvistatori di comete”, realizzati dall’artista per questa sua prima mostra romana.
I suoi dipinti rappresentano una serie di personaggi ritratti con lo sguardo rivolto verso l’alto nell’intento di osservare un evento immanente, catartico, luminoso, forse trascendente, ultraterreno. Si tratta di quel momento atteso a lungo, in una società contemporanea caratterizzata dal progresso tecnologico ma dal regresso nel sistema dei valori. Ed è con un senso di parziale impotenza che i protagonisti delle opere di Di Pinto si accingono a vivere quest’evento, nella speranza, intuibile dalla carica emotiva dei loro sguardi, che si possa trattare dell’inizio di una nuova era, magari improntata sulla vitalità e sulla passione della gioventù delle nuove generazioni, verso le quali l’artista sembra comunque riporre la sua completa fiducia in vista di un futuro migliore.
Le opere di Di Pinto colpiscono l’attenzione dell’osservatore non solo attraverso l’intrinseca e coinvolgente forza espressiva del suo dipingere, ma anche grazie al pensiero da cui esse scaturiscono ed alla profondità concettuale che le caratterizza.
Ad impreziosire l’inaugurazione della mostra ci sarà la partecipazione del noto critico Vittorio Sgarbi, che con la sua energica competenza fornirà ai presenti una personale interpretazione dell’Arte di Antonello Di Pinto.
Al termine del periodo espositivo, le opere verranno trasferite presso la Galleria “Il Cielo di Carta” di Trani e saranno messe in mostra a partire dal prossimo 21 dicembre.

“Le tecniche pittoriche non mi interessano più. Mi interessano le idee. Più le idee sono chiare e più ho la possibilità di comunicare. L’artista è un comunicatore. Più sarà facile il suo linguaggio e più sarà semplice ascoltarlo. L’artista intellettuale-snob non mi interessa. Vorrei poter parlare a chiunque, dal meccanico al contadino, dall’ingegnere al filosofo. Il mio sogno è un’arte accessibile a tutti.”
“Il pensiero umano è al centro del mio interesse. Chi siamo e da dove veniamo? E dove andremo? E’ la domanda che mi pongo continuamente. Stiamo vivendo un nuovo devastante Rinascimento nel quale crediamo di fare ogni giorno enormi progressi solo perché sono migliorate le funzioni di tv e telefoni cellulari. In realtà questo è un periodo di decadenza culturale nel quale ci muoviamo all’indietro piuttosto che andare in avanti. In questa corsa abbiamo perso di vista i valori fondanti della nostra società.”
Antonello Di Pinto (Barletta, Italia – 1960).
Incline all’arte sin dalla fanciullezza, all’età di soli sette anni vince un concorso nazionale del Ministero della Cultura col disegno “Rosso Malpelo”. Durante gli anni del Liceo Artistico Pasquale Festa Campanile di Melfi divide lo studio con l’amico fraterno, lo scultore Giacinto Cerone (1957-2004). Prosegue gli studi all’Accademia di Belle Arti di Bari nella cattedra del pittore-scultore Mario Colonna.
Nel 1986 si trasferisce a Milano nello studio del pittore bulgaro Kosta. Conosce l’artista bulgaro Alzek Mishef (1940), pittore e musicista, col quale collaborerà ad una istallazione monumentale sulla facciata della Scala di Milano.
Nel 1987 il conduttore televisivo Pippo Baudo lo invita ad eseguire in diretta televisiva, durante la trasmissione “Festival”, un’adorazione dei pastori di enormi dimensioni (m 10×3). L’opera verrà esposta negli studi di Canale 5 e successivamente trasferita a New York nella collezione Nielsen – Stallone.
Nei primi anni ‘90 si trasferisce in Spagna, a Peratallada (Girona), dove conosce e stringe amicizia con l’artista Frederic Amat (1952), scenografo, regista e pittore.
Nel 1992 la prima mostra personale in Spagna dal titolo “Còrt’ecce”, presso la Galleria Barnadas di Barcellona, presentata da Frederic Amat, con prefazione del critico d’arte Mario de Micheli. Il progetto proseguirà in seguito al Castello di Peratallada, all’interno del Palazzo Vescovile nel Barrio Antiguo di Burgos ed infine al Museo della Cattedrale di Leon .
Partecipa, fra le altre, alle fiere d’arte contemporanea “ARCO” di Madrid, “Art Basel”, “Art Cologne”, “Arte Fiera di Bologna”,”Arte Fiera Bari”.
Nel 1998 una nuova personale presso la Galleria Pinò di Barcellona che raccoglie una serie di ritratti di personaggi celebri. Nel 2002 la personale alla Galleria Subarna di Barcellona.
Nel 2012 il critico d’arte Vittorio Sgarbi presenta la “Battaglia d’Anghiari” di Antonello Di Pinto, una elaborazione di grandi dimensioni della celeberrima opera perduta di Leonardo da Vinci, ricostruita attraverso i disegni di Rubens. L’opera sarà donata alla città di Lavello dove tutt’ora è visibile nella prestigiosa Aula Consiliare.
Dedito anche alla letteratura, Di Pinto ha pubblicato due opere di narrativa: Un sentiero luminoso (Alberti e C Editori) ed “Eccomi” ( Il Filo edizioni).
Antonello Di Pinto attualmente vive e lavora sia in Italia che in Spagna.
Ingresso libero tutti i giorni dalle ore 11,00 alle ore 19,00 oppure su appuntamento al di fuori dell’orario di visita.
GALLERIA ARTE MAGGIORE
Via di Santa Maria Maggiore n.149
00185 ROMA
Tel. 06 42020687 – +39 335320324
galleria.artemaggiore@gmail.com
www.facebook.com/GalleriaArteMaggiore

“il cielo di carta”
Scuola di Teatro
C.so V. Emanuele, 242 – Trani (BT)
http://www.ilcielodicarta.net
http://www.facebook.com/ilcielodicarta.scuoladiteatro
info@ilcielodicarta.net
347/9395652

Sito ottimizzato per Mozilla FirefoxCSS ValidoXHTML ValidoQuesto sito usa Wordpress CMS