Notizie

20
2011
Archiviato in: Teatro
Di: Ufficio Stampa Pro Loco Bisceglie

22 luglio, 26 agosto e 23 settembre

Nelle calde serate estive arrivano le incursioni estive a cura di BinarioZero in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura. Una piccola rassegna teatrale, intima, nell’estate Biscegliese 2011, come tutte le incursioni, inaspettate ma che lasceranno un segno.

Tre appuntamenti nel cuore della città, nel chiostro S. Croce alla riscoperta di una classicità, di una tradizione, di un tempo passato che l’arte teatrale evoca in modo semplice, restituendo i fatti, i drammi,le storie che si fanno tragedia.

PRENOTAZIONE TELEFONICA OBBLIGATORIA 340 6089347

Venerdì 22 luglio 2011 h 21,00 (GRATUITO) – Chiostro S. Croce
Areté ensemble
MEDEA di Euripide
tradotto diretto e interpretato da Annika Strohm e Saba Salvemini
Medea. La donna di cuore devota al letto nuziale e alle sue antiche leggi sposa l’uomo di ragione ed’azione che appartiene allo stato ed alla società.

La storia della sua rivolta contro un mondo in cui rispetto, fedeltà, fiducia, responsabilità, amore sono scomparsi. Medea compie il sacrificio più alto. La vendetta più atroce. Per pugnalare questo mondo bisogna colpirlo… al cuore.

Medea. Una storia che, in un mondo di genitori che fanno di tutto per crescere al meglio i figli, si fa tragedia in nome dell’amore. Una tragedia d’amore e libertà. Una tragedia dove a pagare sono i figli, tutti i figli ed in cui tutto è umano… terribilmente umano.

In scena a rivivere il dramma due soli attori, come ai tempi dell’antica Grecia.

Venerdì 26 agosto 2011 h21.15 (GRATUITO) – Chiostro S. Croce
Teatro dei Cipis
FISH&CIPIS sa di mare q.b. di Giulia Petruzzella
con Corrado la Grasta,  Giancarlo Attolico, Giulia Petruzzella.
Performance che abbina cibo e piacere dell’ascolto.
Un cuoco ospitale accoglie il pubblico, mentre i padroni di casa sono in ritardo con la mise en place. Per questa cena si attendono ospiti di un certo livello.
Menù rigorosamente della nostra terra. Un ritorno ai sapori di un tempo, un omaggio alla “gente di mare” che ha come fulcro i temi dell’ospitalità, della convivialità, della sofferenza e della gelosia, facendo cenno alle ricette tipiche della cucina locale. Una ricetta spicca fra tutte la “ricetta di vita” di chi sa di mare quanto basta.

Venerdì 23 settembre 2011 h21 (CONTRIBUTO ASSOCIATIVO libreria Marconi) – Teatro Garibaldi
BinarioZero
VIA BABELE di Giancarlo Attolico
con Angela Ferrarese,Angela Losciale,Lucia Rosario Cosmai ,Lucia Maenza,Stefania Losciale, Alessandro Mastrofilippo,Andrea Petrafesa ,Antonio Lopopolo,Bianca Ricchiuti,Eva Fontana, Federica Civini,Francesco Sinigaglia, Giulia Cividini, Mara Pinto, Marcella Celestino, Maria Daria Di Leo, Marina Rosa Ricchiuti, Maristella Lupone, Mauro Lopolito, Michelangelo Camero, Pierpaolo Sasso, Vito Celestino,Jenny Spina, Adriana Galantino.

La storia ha inizio in una calda giornata d’inizio estate.Via Babele. E’ un alveare. Un campo di battaglia. Un mondo sommerso dove si ergono muri, confini, trincee d‘intolleranza. Tutto appare polveroso, sempre uguale, nell’aria si sentono i profumi di cose vecchie, di ruggine. Una via caratterizzata da superstizioni, ignoranze con elementi di dolcezza e slanci di bontà ingenua, una rozza semplicità che riportano lo spettatore ad immagini ormai dimenticate, ad’una umanità.Una commistione di lingue, linguaggi, suoni e stili contaminati, che vogliono emergere, soffocati dall’idea che solo andando di fiore in fiore succhiandone tutto il nettare per poi sbarazzarsene, si vince la guerra della sopravvivenza. Quando tutto sembrava finito, prendevo la scala e immaginavo di poter toccare il cielo aggrappandomi all’ultima speranza e così…ebbe inizio…la storia. Vorrei sentire ancora una volta quel profumo di quella calda estate, d’inizio estate. Dove sono finite quelle belle tavolate di una volta?

Sito ottimizzato per Mozilla FirefoxCSS ValidoXHTML ValidoQuesto sito usa Wordpress CMS