Notizie

27
2012
Archiviato in: Teatro
Di: Ufficio Stampa Pro Loco Bisceglie

Venerdì 29 giugno a Bisceglie

Il 29 giugno 2012 la compagniAurea si presenta al territorio.  Decide con la sua ultima fatica di darsi connotazioni ben precise,richiamare i valori :quelli veri,quelli buoni  della tradizione e rimembrare l’arte che NON appartiene solo a pochi permettendo così di farla entrare nelle case e nei cuori di tutti.
Un grido acuto per dire che noi ci siamo,nel nostro piccolo,nei nostri giorni. E tra una pizzica e una ballata l’associazione offre al suo pubblico indiscreto, “RICORDATI” .
Il testo è liberamente tratto  dal libro “Bisceglie nelle Casedde e della vita contadina” di Nicolantonio Logoluso, presidente della “SOCIETA’ OPERAIA ROMA INTANGIBILE” (Bisceglie,via G. Bovio, 53).
La manifestazione si terrà in Largo Purgatorio, antistante la chiesa del Purgatorio (piazza Castello), di Bisceglie alle ore 20:15 dopo la celebrazione della Santa Messa in collaborazione con la parrocchia di Sant’Adoeno, il nuovo spettacolo: “RICORDATI, dal concepimento all’anzianità”.
Terzo lavoro, dopo la vittoria nel concorso Rotary International con il “Motorino” scritto e diretto da Francesco Sinigaglia e la piece teatrale “ROSSO, tutte le storie iniziano e finiscono con il rosso”.
In scena: ANGELA DI CEGLIE, ANNARITA GALANTINO, CAMILLA SINIGAGLIA, CRISTIANO TURTUR, DANIELA STERLACCIO, FEDERICA DI LEO,GIOSUè DI PIERRO, LUANA BIANCHI, MARIATERESA DI CORRADO, MARIATERESA FATA, MARINA TERRONE, MARGHERITA FERRUCCI, PAOLA PORCELLI, PIERPAOLO SASSO  e VINCENZA PORCELLI.
Regia e drammaturgia di Francesco Sinigaglia,il giovanissimo direttore artistico del gruppo teatrale (regista,attore, drammaturgo, sceneggiatore).
Questa è la nostra storia.
Di quando cadevano e ci sbucciavamo le ginocchia.
Di quando con i nostri cugini,giocavamo a fare i marinai con il balcone della nonna che diventava la nostra barca,il nostro peschereccio.
Era tutto più facile. Era tutto più buono. Era tutto più vero. Era il luglio del 1936.
C’erano lavori che oggi non ci sono più,mi piacerebbe da grande fare uno di quei lavori.
Una storia d’altri tempi,tra canti e tradizione.
Tra il sole nel fango, ad invocare il venticello che non arrivava mai.
A preparare con le nonne “ u ciambut” ,“ u cucue” e “ r ciacidr”.
Le campane suonavano. E io, io non ero ancora nato.

Nello staff dello spettacolo la compagnia Aurea promuove artisti del territorio, i costumi curati da Maria Napoletano e Francesco Suriano, le scenografie e le luci Mimmo Palmiotti e Andrea Di Molfetta con l’aiuto tecnico di Giovanna Muscatella,Mariana Colangelo e Maria Pasquale; fotografia Enzo Todisco, il trucco e acconciature guidate da Carmela Ferrante. Un sentito ringraziamento a Roma Intangibile.
INGRESSO LIBERO.

Sito ottimizzato per Mozilla FirefoxCSS ValidoXHTML ValidoQuesto sito usa Wordpress CMS