Notizie

30
2012
Archiviato in: Poesia
Di: Ufficio Stampa Pro Loco Bisceglie

Il racconto fotografico della terza edizione dell’evento

Non mancava nessun ingrediente sabato 28 luglio a Bisceglie (BT) per creare la magia necessaria a emozionare: la luna, le stelle, la poesia, la natura, la musica, il Dolmen.
Per una notte, una notte speciale, Bisceglie è diventata a pieno titolo Capitale della Bellezza.
L’Associazione Pro Loco UNPLI di Bisceglie e i Poeti della Vallisa di Bari, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Bisceglie, sono riusciti a dar vita a una serata che difficilmente potrà, alla stessa stregua, riproporre lo stesso stupendo carico di forti sensazioni, di profonde emozioni.
La direzione artistica di “Notte di Poesia al Dolmen” è stata curata dai poeti Teodora Mastrototaro e Maurizio Evangelista.

Emblematiche e riassuntive di un’affascinante notte biscegliese le parole del primo cittadino avv. Francesco Spina: «Giuro: sono sei anni che mi onoro di rappresentare la Città di Bisceglie, ma questa sera ho vissuto il momento più bello di questi anni. L’Amministrazione e la Pro Loco hanno saputo, con sinergia, impegno e dedizione, organizzare un’iniziativa che non ha eguali in termini di intensità e di carica emotiva».

A rendere marcate queste emozioni tre grandi protagonisti: i 15 autori selezionati per il reading di questa terza edizione di “Notte di Poesia al Dolmen”, il gruppo collettivo barese Jamming Culture e il cantautore professor Roberto Vecchioni.

Ed Warner (Marco Degli Agosti – Crema), Rosa Fracchiolla (Torino), Luca Scanferlato (Carovigno – BR), Giulia Basile (Noci – BA), Alessio Laterza (Putignano – BA), Luigi Carlo Rocco (Bisceglie), Giovanni Di Candia (Barletta – BT), Michele Del Piano (Barletta), Nicola Ambrosino (Bisceglie), Vino Caro (Savino Tammaccaro – Andria – BT), Emma Di Stefano (Brindisi), Francesco Ferrante (Acquaviva della Fonti – BA), Liliana Maria Luisa Landriscina (Trani – BT), Marco Ambrosini (Bisceglie) e Davide Uria (Trani – BT) hanno incantato con i loro versi il numeroso pubblico accorso presso l’area del Dolmen La Chianca (Testimone di Pace UNESCO dal 2010). Nel corso della serata spazio anche alla lettura di alcuni versi in lingua originale della poetessa messicana Blanca Estela Rodriguez.

Prima ancora che il prof. Vecchioni commovesse i presenti, è stato il gruppo collettivo d’improvvisazione Jamming Culture a commuovere il professore: gli artisti baresi, tra musica, poesia, arte corporea e giochi di luce hanno reinterpretato alcune delle più belle canzoni del cantautore milanese. I Jamming Culture hanno coinvolto, attratto e, per l’appunto, emozionato.

Si, è la parola “emozione” il leit motiv della terza edizione del reading e il momento della lettura da parte di Roberto Vecchioni di alcuni versi, tra i più noti, di Catullo, Wisława Szymborska (Premio Nobel nel 1996), Saffo, Alda Merini, Orazio, Giacomo Leopardi e Leonard Cohen ha rappresentato la parentesi maggiormente aulica della commozione dei convenuti. Una serata magica.
«Mi avete emozionato, ragazzi – dichiara visibilmente commosso e in lacrime il professore –. Non mi era mai capitato di ascoltare e vivere in questa maniera così forte dal punto di vista artistico ed emozionale le mie stesse parole: siete riusciti a emozionarmi. Questa serata è semplicemente meravigliosa: è stupendo quando dei ragazzi si riuniscono in nome della poesia, della musica, dell’arte».

Alla serata hanno preso parte anche l’assessore alle politiche culturali Angelo Consiglio, il consigliere comunale delegato alle politiche turistiche Rachele Barra, l’assessore ai trasporti e alla pubblica istruzione Egidio Pignatelli, il consigliere comunale Giovanni Papagni, l’avv. Pietro Casella. Giunti i saluti del Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, del sen. Francesco Amoruso e del consigliere provinciale Enzo Di Pierro.
Un ringraziamento a “Caffé Orchidea” – Piazza Vittorio Emanuele n. 8 – Bisceglie.

Ampiamente soddisfatto dell’ottima riuscita della serata il presidente dell’Associazione Pro Loco UNPLI di Bisceglie, associazione ideatrice e organizzatrice dell’evento, Vincenzo De Feudis: «Un enorme ringraziamento va indirizzato al Sindaco Francesco Spina e all’intera Amministrazione Comunale per aver creduto in quest’iniziativa: senza una convergenza di vedute e una condivisione di forze e di idee difficilmente saremmo riusciti a rendere spettacolare questa serata. Grazie ai direttori artistici Teodora Mastrototaro e Maurizio Evangelista per aver impreziosito ancor di più, con la loro capacità, il loro talento, la loro passione, questa notte meravigliosa».

«Partire dalle nostre radici profonde, promuovere un sito rientrante nel nostro patrimonio storico e culturale come il Dolmen, dare spazio a giovani artisti talentuosi provenienti da tutta Italia per poi abbracciare culture diverse, mondi culturali lontani dal nostro è la giusta strada per fare della nostra Terra una cerniera tra popoli. Questa sera va decisamente in questa direzione. Grazie alla Pro Loco che ha ideato questa favolosa manifestazione, ai poeti e agli artisti che ci hanno deliziato e al professore Vecchioni, il quale ha contribuito a rendere memorabile questa serata e questa estate» ha affermato il Sindaco Spina consegnando al cantautore il sigillo argenteo della Città di Bisceglie.
Fuori programma largamente apprezzato dal pubblico e premiato con una standing ovation finale l’esibizione a cappella del professore che ha regalato a Bisceglie le dolci e intense note del brano vincitore del Festival di Sanremo 2011 “Chiamami ancora amore”.

Per visionare tutte le foto della serata clicca qui.

Articolo di Francesco Brescia.

Sito ottimizzato per Mozilla FirefoxCSS ValidoXHTML ValidoQuesto sito usa Wordpress CMS