Notizie

08
2013
Archiviato in: Conferenze
Di: Ufficio Stampa Pro Loco Bisceglie
Tags: , , .

Mercoledì 10 aprile 2013 a Bari

Mercoledì 10 aprile alle ore 18, presso la Libreria Laterza di Bari, vi aspettiamo per il quarto appuntamento dei “Mercoledì con la storia”. Tema dell’incontro l’Apulia nell’ottica langobarda e nostro ospite Lorenzo Lozzi Gallo introdotto da Maurizio Triggiani.

Guardare alla terra che ci appartiene secondo prospettive “altre” è un’operazione intellettuale e umana sempre utile. Serve a ridimensionarci o, anche, ad acquisire maggiore consapevolezza nelle potenzialità che possediamo. Tale operazione si fa ancora più preziosa quando si volge al passato.

Il trovatore tedesco Walther von der Vogelweide apostrofa Federico II, prima dell’unzione di questi come imperatore del Sacro Romano Impero nel 1220, «come vogt di Roma e re di Pülle, dove la parola Pülle non va intesa tanto come “Puglia”, quanto piuttosto come una denominazione per indicare l’intero Mezzogiorno e persino la Sicilia. Il termine Pülle, in età federiciana, possiede una carica evocativa particolare, esito della sedimentazione di notizie provenienti da epoche diverse che si sommano nel creare la retorica del paese ideale, in grado di suscitare l’invidia del mondo, pendant perfetto del monarca ideale, come Federico II ha voluto farsi rappresentare» (L. Lozzi Gallo). Lozzi Gallo è andato, dunque, alla ricerca delle connotazioni di cui si carica l’idea della Pülle nella cultura tedesca, da quando il termine fa la sua comparsa nelle fonti, e cioè a partire dal sec. XII. Egli ha indagato, primi fra tutti, testi del medioevo germanico e testimonianze provenienti dal mondo langobardo. La popolazione germanica dei Langobardi (altresì noti come Longobardi) si stanziò anche nel Sud Italia arrivando a fondersi con la nostra gente e la nostra cultura. Quale idea aveva dell’Apulia? Il confronto con il nostro mondo, che era molto spesso uno scontro, quali documenti ha prodotto? Il lavoro di ricerca di Lozzi Gallo ha portato alla luce queste informazioni e questi importanti dati. Appuntamento dunque a mercoledì per scoprirli insieme e per apprendere qualcosa di nuovo sulla nostra storia.

Lorenzo Lozzi Gallo si è laureato in Lettere antiche presso l’Università di Roma La Sapienza e ha frequentato corsi universitari anche in Danimarca e in Norvegia. La  sua tesi di laurea Il potere della parola. Gli incantesimi della Scandinavia medievale nel contesto delle culture germaniche ha ottenuto il premio per la migliore tesi in Filologia germanica dell’a.a. 1996-1997, assegnato dall’Associazione Italiana di Filologia Germanica. Nel 2004 ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in “Cultura e tradizioni letterarie del mondo germanico antico e medievale” presso l’Università di Roma III, con una tesi su La versione in inglese antico della Vita di S. Eufrosina. Dal 2005 ha preso servizio come ricercatore presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università degli studi di Bari. Tra i suoi ultimi lavori ricordiamo La Puglia nel medioevo germanico (Longo, Ravenna 2012).

Ufficio Stampa
Marilena Squicciarini

Sito ottimizzato per Mozilla FirefoxCSS ValidoXHTML ValidoQuesto sito usa Wordpress CMS