Pro Loco
Benvenuto nel sito della Pro Loco di Bisceglie (BT)

Conosci la nostra Città visitando il nostro sito ricco di immagini, contenuti ed informazioni utili. Contattaci via mail o vieni a trovarci in Via Giulio Frisari, 5.

Notizie

07
2020
Pubblicato da: Ufficio Stampa Pro Loco Bisceglie

“Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani, la sua testa ed il suo cuore è un artista.”

Questa citazione di San Francesco d’Assisi rispecchia a pieno il percorso umano ed artistico di Aldo Piccione, “l’artista operaio “venuto a mancare il 7 gennaio 2019 a Germagnano Valli di Lanzo Torino.

Aldo Piccione nasce a Corato nel 1942, si diploma a Bari presso l’Istituto Statale d’Arte, frequenta l’Accademia delle Belle Arti, consegue l’abilitazione all’insegnamento e successivamente svolge l’attività di docente presso l’Istituto Statale d’Arte di Corato, nonché al Liceo Artistico Statale di Bari.

Spinto da una forza interiore volta a combattere l’oppressione, lo sfruttamento, l’emarginazione sociale, Piccione abbandona l’insegnamento e inizia a lavorare in fabbrica a Torino per immedesimarsi e conoscere da vicino le problematiche del mondo operaio.

Questa esperienza segna in maniera profonda la vita di Aldo Piccione così che “le sue mani, la sua testa, il suo cuore” trasmettono sulla tela grida di dolore dell’un uomo che soffre, che è oppresso, emarginato e deriso. Nel contempo, però, l’artista lo incita a non sentirsi sconfitto e a vivere con dignità la vita come meraviglioso dono da coltivare sempre con amore anche nei momenti più difficili.

Le opere che Aldo Piccione ha lasciato sono un documento vivo della condizione umana che giorno dopo giorno deve lottare contro le ingiustizie ma che mai sarà vinta se la solidarietà umana saprà essere muro invalicabile.

Ad un anno dalla sua morte parenti ed amici di Corato ricordano Aldo Piccione con una Santa Messa presso la chiesa Maria S.S. Incoronata il giorno 7 gennaio 2020 alle ore 18,30.

Ma sarebbe ancora più bello e giusto che Corato ricordasse “le mani, la testa e il cuore” dell’artista con una grande mostra del suo ciclo pittorico sempre di grande attualità.

07
2020
Pubblicato da: Ufficio Stampa Pro Loco Bisceglie

Il 2019 si conclude con un bilancio positivo per l’associazione Pro Loco Unpli di Bisceglie, che quest’anno festeggia il suo cinquantottesimo anno di attività sul territorio.

Secondo il presidente della Pro Loco cittadina, Vincenzo De Feudis, “questo è stato un anno irripetibile. La Pro Loco Bisceglie ha infatti preso parte ad iniziative di primo piano, anche a livello nazionale, mirate alla valorizzazione del territorio. Non solo: grazie al lavoro dei volontari, del servizio civile e non, e potendo contare su circa un’ottantina di soci, siamo riusciti anche quest’anno a offrire una vasta gamma di servizi non solo alla cittadinanza biscegliese ma anche ai turisti che si sono recati al nostro sportello in via Cardinale Dell’Olio al numero 28.”

Tra le iniziative da mettere in rilievo, c’è sicuramente la Giornata Nazionale del Dialetto “Salva la tua lingua locale”, con invito aperto a tutta la cittadinanza. Un posto di spicco, inoltre, è occupato dalla presentazione del volume “In Puglia tutto l’anno” alla BIT, la Borsa Internazionale del Turismo, storica manifestazione organizzata da Fiera Milano che dal 1980 porta nel capoluogo lombardo operatori turistici e viaggiatori da tutto il mondo. Il volume raccoglie tutte le iniziative più importanti delle Pro Loco di Puglia per l’intero anno; un’occasione unica per promuovere le manifestazioni sia locali  che a livello nazionale, tanto che un secondo volume, aggiornato per il 2020, verrà presentato il prossimo febbraio, nuovamente alla BIT.

Da non dimenticare altre importanti attività: per esempio la presenza nelle tradizionali sagre dei casali di Zappino, Giano e Pacciano, e la Notte di Poesia al Dolmen, giunta all’ottava edizione, tenutasi a luglio, che quest’anno ha omaggiato il poeta Giacomo Leopardi, una delle più importanti figure della letteratura mondiale, in occasione del bicentenario per la stesura della poesia “L’Infinito”. Per tale ragione la serata si è onorata del patrocinio morale del Centro Nazionale di Studi Leopardiani (CNSL) di Recanati. Altra manifestazione estiva da ricordare è A cena con… le stelle!, arrivata quest’anno alla terza edizione, svoltasi il 10 agosto presso il Casale di Pacciano, in collaborazione con l’associazione Astrophili Physis, gestrice del bene.

A settembre, La Pro Loco è stata protagonista di un altro evento di spicco, ovvero la presentazione presso la Fiera del Levante di Bari del volume “Vie Antiche di Puglia”, incentrato sulla Via Francigena, per la quale la Pro Loco Bisceglie svolgerà la funzione di desk informativo a livello regionale. Contestualmente, è stato presentato anche il progetto Tutela del Dolmen La Chianca e lama Santa Croce, mirato alla salvaguardia e alla valorizzazione di queste due risorse imprescindibili per l’attrattiva turistica esercitata da Bisceglie. La manifestazione è stata totalmente finanziata con un progetto  della Regione PUGLIA. 

Da sottolineare anche la  partecipazione alla campagna di raccolta fondi Telethon, svoltasi nella giornata del 15 dicembre, che ha visto i volontari dell’associazione scendere in piazza per la ricerca.

Come ha ricordato il presidente De Feudis, “la nostra intenzione è quella di continuare ad innovarci cercando sempre di proporre un servizio di qualità, come nel caso delle numerose iniziative passate e in quello dell’alternanza scuola/lavoro, che ci vedrà impegnati anche per il corrente anno.”

28
2019
Pubblicato da: Ufficio Stampa Pro Loco Bisceglie

L’associazione Pro Loco di Bisceglie ringrazia l’Assessore alla Cultura Tonia Spina per la collaborazione e la disponibilità a risolvere ogni problematica relativa all’attività turistica svolta dalla nostra associazione.

Siamo confidenti nell’augurarci una continuità collaborativa con il nuovo Assessore alla Cultura.

Cordiali saluti,

Lo staff organizzativo Pro Loco Bisceglie

27
2019
Pubblicato da: Ufficio Stampa Pro Loco Bisceglie

Si terrà nel laboratorio urbano di Palazzo Tupputi la diciassettesima edizione di “Avvistamenti (non) è un festival” e la rassegna di suoni e immagini “Sonimage” da venerdì 27 a domenica 29 dicembre a Bisceglie. La tre giorni è organizzata dal Cineclub Canudo con la direzione artistica di Antonio Musci e Daniela Di Niso.

Il festival “Avvistamenti” è in programma alle ore 19 in tutti e tre i giorni con “Made in Italy”, curata da Antonio Musci e dal filmmaker Giuseppe Boccassini, che consisterà nella proiezione di undici cortometraggi sperimentali e un documentario. Venerdì la rassegna prevederà la proiezione dei corti “In Fieri” di Benedetta Sani, “Eco e Superficie” di Fabio Scacchioli e Vincenzo Core (prodotto dal Cineclub Canudo nel 2018 nell’ambito del progetto Avvistamenti workshops), “Oscillation” di Salvatore Insana, “The secret sharer” di Filippo Ticozzi, “Naturartificiale” di Carmine Bocchetti, “Le-Toi-Ile” di Alberto Baroni.

Sabato toccherà a “Coma Berenices” di Morgan Menegazzo e Mariachiara Pernisa (prodotto dal Cineclub Canudo nel 2018 nell’ambito del progetto Avvistamenti Workshops), “Vaghe Stelle: Alioth” di Mauro Santini, “éléments 1, 2, 3” di Tomaž Burlin, “So That’s That” di Gianfranco Brebbia, “The Sound Drifts” di Stefano Canapa.

Domenica ci sarà la proiezione del lungometraggio di Raffaella Rivi, “Più de la vita”, che racconta quattro decenni del percorso artistico di Michele Sambin, pioniere della videoarte, ideatore di performance, spettacoli teatrali, opere pittoriche e partiture sonore. L’impresa artistica di Sambin incrocia e sperimenta le diverse tecnologie nel loro evolversi, dal video analogico alla pittura digitale, dagli strumenti tradizionali alla musica elettronica. Attraverso le opere d’archivio e il lavoro quotidiano dell’artista, il film offre uno sguardo diretto sull’arte intesa come lavoro concreto che attraversa il tempo e trasforma lo spazio.

Per la rassegna “Sonimage”, prevista alle ore 21 in tutte le tre giornate, curata da Antonio Musci e dal compositore Gabriele Panico, ci saranno sei performance intermediali (sonorizzazioni, improvvisazioni sonore tra poesia, performance, video e cinema sperimentale), che vedranno protagonisti filmaker, videomaker, musicisti, compositori e performer.

Si comincerà venerdì con le esibizioni audiovisive “Balance” di Alessandro Vangi e a seguire “Sketches of E(r)go” di Marco Malasomma. Sabato la multiproiezione e improvvisazione sonora di Samira Guadagnuolo e Tiziano Doria “Canti neri” e la performance poeta-audiovisiva “Videosuonopoesia lunare” di Vittorino Curci e Igor Imhoff. Gran finale domenica col film concerto “La Pelle del Tempo” di Salvo Cuccia, seguito dalla performance per suoni, voce e segni “+ di Più = 3” di Pierangela Allegro, Gabriele Panico e Michele Sambin.

Saranno coinvolti nel complesso circa 25 artisti tra i più interessanti nel panorama della sperimentazione audiovisiva contemporanea. Nei tre giorni del festival, durante gli orari di apertura al pubblico, sarà possibile visitare anche il progetto espositivo “Avvistamenti in mostra”, con l’esposizione di tutte le locandine realizzate a partire dalla prima edizione. Tutti gli eventi sono gratuiti e a ingresso libero.

« Pagina precedentePagina successiva »
Sito ottimizzato per Mozilla FirefoxCSS ValidoXHTML ValidoQuesto sito usa Wordpress CMS