Terlizzi, “Nero Celeste”, fotografie e disegni di Patrizia Ricco

Dal 2 al 16 febbraio 2013 a Terlizzi (Ba)

Nero CelesteMostra d’arte contemporanea
disegni e fotografie di Patrizia Ricco
a cura di Luigi Dello Russo

Vernissage 2 Febbraio, ore 19,00
Adsum arte contemporanea, Terlizzi (BA)
con intervento polifonico degli En Sabir

Il secolo scorso, “secolo breve” a detta del grande storico Eric J. Hobsbawm , insieme alle violenze
connesse alle dittature di massa, è stato il momento della nascita di nuove forme espressive e creative come la danza moderna, il cinema e la fotografia. Quest’ultima si è imposta in Italia con un certo ritardo per la persistenza della cultura crociana, impregnata di idealismo e proprio perciò contraria alle nuove tecnologie. È stata una lacuna che ci ha distanziato di molto da quella internazionale… ora il salto è fatto! Le nuove generazioni sono interessate e soprattutto operative nelle ricerca tecnica e formale di questa nuova espressione d’arte.
Patrizia Ricco ne è un’esponente colta: produce infatti polisemantici testi iconici. La sua poetica, già allusivamente esplicitata nell’ossimoro della titolazione, “Nero celeste”, si manifesta nell’uso di una “retorica”, che perde il significato dispregiativo di uso corrente, recuperando invece quello originario di espressività alta e riccamente semantica. Per l’occasione ha esercitato tale estetica su un manufatto specifico della cultura meridionale: la statua dell’ “Addolorata” della città di Bisceglie. Opera di alto valore antropologico-religioso presente e dominante nei riti della settimana santa. Creazione attribuita forse al grande scultore andriese Nicola Antonio Brudaglio (ca. 1703 – dopo 1788), come anche quella dello stesso artista sita nella cattedrale terlizzese, è opera d’arte d’ascendenza spagnola ravvisabile nella gestualità delle mani e nel pathos del volto.
La Ricco respinge a priori la scontata immaginetta controriformistica, cui siamo abituati, sottopone invece l’icona ad uno sguardo “altro” con interventi soggettivi quali leggere incisioni, parziali dilavamenti, maculazioni ottiche, forzate prospettive ribassate ma soprattutto con una mappatura parzializzata della statua, appunto la figura retorica della sineddoche, per recuperare ex novo un messaggio profondamente cristiano ed umano: la sofferenza per un figlio perduto.
Una per tutte: si osservi con partecipata emozione l’acuta spada confitta nel petto, che colpisce il suo cuore come il nostro.

Luigi Dello Russo

En Sabir
In lingua Sabir, l’antica lingua dei porti del Mediterraneo.
Incontro verbale di lingue romanze, mediterranee e frammenti dialettali: italiano, veneziano, genovese, siciliano, occitano, catalano, greco, arabo e turco.
En Sabir.
Crocevia di canti. Polifonie atemporali, evocative di tradizioni estinte… Sonorità terapeutiche, antiche ballate, viaggi vocali e poetici, capaci di creare in un luogo storie, leggende e racconti… passati di bocca in bocca, di secolo in secolo…

Gli En Sabir sono Teresa Barbieri, Stefano De Dominicis, Silvana De Palma, Vito Giammarelli.

L’evento è anche su Facebook.